Riproduzione

Per quanto riguarda la riproduzione, è bene sapere che alcuni esemplari maschi di gatto norvegese delle foreste possono risultare sono sessualmente attivi già a 7 mesi dalla nascita. Altri esemplari  hanno uno sviluppo più lento e quindi la maturità sessuale può manifestarsi nel periodo che va dai 10 ai 12 mesi di età e, in rari casi, anche oltre l’anno di età.

La femmina del gatto norvegese delle foreste raggiunge la maturità sessuale intorno ai 7-9 mesi. È consigliabile evitare che la nostra gatta affronti la gestazione al primo calore. È bene quindi consentire l’accoppiamento intorno al primo anno di età: con questo saremo certi che la nostra gatta affronterà la maternità con una maturità fisica sufficiente ad accudire la prole senza problemi.

La gestazione generalmente dura dai 57 ai 65 giorni e le cucciolate spesso sono numerose,  con parti che vanno dai 4 ai 7 cuccioli. La mamma di solito è molto attenta alla loro crescita e riesce ad occuparsi di tutti senza nessun problema. Un allevatore attento controllerà scrupolosamente la crescita dei piccoli nei primi giorni di vita, pesandoli giornalmente per poter intervenire al primo cenno di dimagrimento.

Dopo poco più di un mese dalla nascita avverrà lo svezzamento. In questo periodo il ruolo della mamma e dei fratelli è fondamentale per una crescita equilibrata: il cucciolo imparerà a provvedere a sé stesso, cominciando a lavarsi e ad usare la lettiera. Apprenderà l’arte della caccia mediante il gioco. In questo periodo è importantissimo anche il ruolo dell’allevatore, che ha il compito delicato di suscitare nei cuccioli la fiducia verso gli umani.

È preferibile che un cucciolo di gatto norvegese non sia distaccato dalla mamma prima del terzo mese.  Dal terzo mese sarà pronto per raggiungere la sua nuova casa e affrontare la vita con i suoi nuovi amici umani.